meditare

Avevo detto in qualche post fa che avrei voluto approfondire il tema della meditazione. Quando mi sono imbattuta in Meditare perchè? Come? ho pensato che fosse il libro giusto per me.

Anche perchè sono solo 79 pagine che si inseriscono perfettamente anche nella sezione “il tempo di una pausa” la chiave di tutto il libro, neanche a dirlo è la perseveranza.
Come in tutte le cose, la volontà è il primo alleato che occorre avere per potersi immettere in questo sentiero.

Di per sé non ci sono effetti speciali, non è che ad un certo punto ti aspa un chakra e scopri i segreti dell’Universo e neanche incrociando le gambe o le braccia a ritmo si hanno delle visioni mistiche o si parla con gli animali. Per questo occorre rivolgersi a sostanze che qui non sono indicate e che faremo a meno di citare.

Il librino dà alcuni suggerimenti, come rilassarsi e ascoltare il proprio respiro per trovare la concentrazione e connettersi con il proprio io. Dà anche altre dritte che possono adattarsi a ciascuno secondo i gusti, la meditazione camminata, quella concentrando su un suono e quella della piena coscienza, che diciamo è già ad un livello pro.

La meditazione non ha controindicazioni, si può praticare in qualunque momento della giornata, in qualunque luogo e per un tempo a propria discrezione, basta anche solo 1 minuto al giorno. Ho trovato molto leale il suggerimento di evitare di imbarcarsi in 30 minuti quotidiani di meditazione per i principianti, un ostacolo insuperabile in partenza.

Altra cosa che alza il fair play del libro è che ammette che la meditazione mette sonno. Ed enuncia due opzioni:

  • la meditazione apposita per prendere sonno
  • oppure i rimedi per non cedere ai pisolini

Insomma, meno di 80 pagine interessanti e che danno degli spunti senza giudizi sui benefici di una pratica che prima di tutto parte da noi. Non sono richiesti poteri ultraterreni o una elasticità da Royal Ballet School, basta sedersi, chiudere gli occhi e ascoltare.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi