spagnolo

2.

Oggi ho fatto la mia prima lezione singola di spagnolo, un piccolo passo per l’umanità ma un grande passo per l’uomo, va bè dai per me.
La profesora, rigorosamente con una “s”, si chiama Gemma, con due “m” e sembra un bel mix di quarantenne hippy, fiesta, Barcellona.
Per introdurre l’argomento qualità / difetti mi ha fatto leggere un dialogo in cui una ragazza si innamora contemporaneamente di un ingegnere e di un creativo.

Mi sono sentita molto Snoopy quando traduce i messaggi di Woodstock.

Snoopy-docet

 

Ora non mi rimane che fare i compiti assegnati e imparare a pronunciare la “Jota”, il più è fatto.

Per il resto la giornata mi regalerà ancora una lezione di yoga, stasera gravity, non mi è ancora chiaro se il nome sia dato dalla gravità con cui si cade rovinosamente al suolo cercando di rimanere in equilibrio precario sulla punta delle mani oppure dalla congiunzione astrale che ti dovrebbe connettere con l’universo.

E poi dare una risposta sensata all’onnipresente domanda delle ore 20:00, che si mangia per cena?

Ho pensato di lanciarmi sulla vellutata di ceci. Voi?

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi