testimonial

55.

L’altro giorno ho partecipato ad un evento o meglio ho organizzato un evento che prevedeva la presenza di due testimonial, personaggi del mondo della tv in questo caso, amatissime dai teenagers di tutta Italia.
I soggetti in questione hanno orde di fans, soprattutto ragazze, in piena crisi adolescenziale: poco più che bambine disposte a passare ore sedute davanti a delle transenne pur di poter scattare per prime le foto con i loro idoli, pianti isterici davanti a genitori al limite della sopportazione perchè “mamma ti prego fammi fare un altro giro, voglio rifare la foto con xx” … e genitori accondiscendenti ad aspettare 3 ore (e non è uno scherzo) per un’autografo su una cartolina pre stampata.

Ogni ragazza si presentava al cospetto dei noti beniamini con ogni sorta di dono: braccialetti, trucchi, lettere, cartelloni, pensieri pensati strappati dal diario segreto, scritti di apprezzamento sentiti… insomma emozioni di un dodicenne probabilmente eccessive ma pur degne di rispetto.
Finché i testimonial sono stati sul palco era amore in ogni dove, abbracci, baci, grazie, grazie lanciati con la mano verso l’orizzonte e buste che si riempivano ad ogni secondo piene di affetto e scritte indelebili con il pennarello rosa.

Ma poi…

Appena l’evento è finito i testimonial si sono ritirati tra i capelli strappati dei piccoli fan, un salto in camerino per cambiarsi e poi via verso nuovi lidi e nuove facce bambinesche da baciare.
Peccato che purtroppo ci sia chi lavora dietro le quinte e abbia l’ingrato compito spente le luci di andare a visionare il camerino e trovare indovinate un po’? Tutte le buste, le lettere, i manifesti, i diari segreti buttati nel cestino più vicino all’uscita.

Che tristezza infinita. Avete presente Kung Fu Panda quando si trova davanti “all’urna dei guerrieri sussurranti” , ci sbatte contro e sente tutti gli “uuu” degli avi uscire dal vaso… ecco il medesimo effetto tristezza.
Ogni tanto basterebbe così poco per essere delle persone migliori.

 

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi